Utilizzando il nostro sito Web, si acconsente all'impiego
di cookies in conformità alla nostra Politica sui cookies
Vai alla Home Page
Azienda | Servizi | News | Tools | Contatti | Mappa del sito  
 
Pagina 6 di 14
Prima pagina Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 Pagina successiva Ultima pagina
23/12/13
Cosa fare in caso di vacanza rovinata?
Vacanza rovinata, vacanza rimborsata? Sembra uno slogan commerciale, ed infatti lo è. Ma la sua funzione non è solo commerciale, ma può servire per tutelarsi contro problematiche varie che possono nascere durante un viaggio di piacere.

E’ noto, ormai, che gli italiani prediligono il canale internet per prenotare le proprie vacanze, approfittando di numerose offerte e sconti. Ma non ci si deve far prendere la mano solamente dai prezzi competitivi. E’ necessario porre qualche attenzione in più.

Se abbiamo stabilito i giorni di ferie, il budget da spendere, la destinazione e i compagni di viaggio, non dobbiamo dimenticare di un eventuale imprevisto che può sempre accadere, e non parliamo di fregature o aspettative non rispettate. Anche una semplice malattia può impedire il futuro vacanziero di partire e, quindi, di perdere il pacchetto prenotato.

Mentre in agenzia viaggi si riceve facilmente una proposta assicurativa a tutela di tutti i rischi del viaggio o, almeno, una copertura parziale per quanto può essere necessario, per i viaggi fai da te è bene pensare ad una copertura per quando le cose non vanno secondo i nostri piani e pensare per tempo a come tutelarsi.

Le possibilità di copertura offerte dal mercato sono svariate: si parte dalla copertura per le spese mediche, all’annullamento del viaggio, alle cause contro terzi fino allo smarrimento del bagaglio.

Vediamo il caso della polizza annullamento. Se siamo costretti a cancellare il volo&albergo, questo tipo di polizza può fare la differenza. Si può evitare di dover rinunciare ad una somma di denaro, piccola o grande che sia, per l’annullamento del biglietto aereo. La polizza rimborsa tutti i costi irrecuperabili comprese eventuali penali, costi di gestione della pratica e le eventuali provvigioni dell’agenzia. Si può scegliere un monte rimborsi da assicurare e il costo della polizza varia in base a questa cifra. E’ possibile, anche, estendere la copertura anche ai familiari se anche costoro fossero impossibilitati a viaggiare.

Anche lo smarrimento del bagaglio è un fastidio non da poco per quando si va in vacanza. Ci sono delle polizze che prevedono un indennizzo in caso di ritardata consegna del bagaglio o smarrimento, inoltre si può coprire anche il caso di danneggiamento o furto del bagaglio stesso.

Vi è poi la copertura per le spese sanitarie che si possono incorrere durante un viaggio. Non è raro che, durante un viaggio all’estero, si incorra in qualche infortunio o malattia che comporti il ricorso a strutture ospedaliere per le cure del caso. Alcuni paesi, se non si hanno adeguate coperture assicurative, possono essere molto costosi per prestazioni sanitarie. Una polizza di rimborso spese mediche può essere, a volte, un vero e proprio “salva vita”.

Vi sono, infine, coperture che possono riguardare la propria casa, lasciata incustodita durante il periodo del viaggio, e coperture per eventuali danni provocati a terzi e relative spese legali in caso di chiamata in giudizio.

Partire assicurati è l’assicurazione di una vacanza “tranquilla”.
20/12/13
Comparatori internet: si alza il grido d’allarme degli agenti. E ora interviene anche l’IVASS
Tra i consumatori del settore assicurativo sta assumendo una crescente diffusione il ricorso ai siti “comparativi” per l’orientamento e l’acquisto di polizze assicurative, in particolare nella RC Auto.

L’Ivass (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ha avviato una verifica del livello di trasparenza di tali siti e delle modalità di comparazione, concentrando l’attenzione sui seguenti aspetti: trasparenza delle informazioni rese al pubblico, ambito e criteri di comparazione delle polizze, conflitti d’interesse derivanti dagli accordi di partnership con le imprese di assicurazione, quota di mercato coperta con le comparazioni e trasparenza dell’informazione resa al pubblico su tale aspetto, modalità di remunerazione.

I siti comparativi rappresentano una nuova frontiera per la distribuzione nel settore assicurativo, in grado di stimolare i consumatori a ricercare i prezzi e i prodotti migliori ed incentivando così le dinamiche concorrenziali. Occorre però garantire la trasparenza delle modalità attraverso le quali le graduatorie vengono costruite e presentate ai consumatori.

L’Ivass nei primi mesi del 2014 svolgerà degli incontri con broker gestori dei siti comparativi e con le principali imprese di assicurazione interessate alla comparazione, al fine di approfondire taluni aspetti e indicare al mercato le linee guida da seguire, con l’obiettivo di garantire la piena tutela dei consumatori che sempre di più utilizzano questi strumenti di comparazione.

Dal canto loro gli agenti assicurativi mettono in guardia le istituzioni, e ben venga il controllo dell’Ivass di cui sopra, e i consumatori dall’attività dei comparatori di tariffe assicurative che si stanno diffondendo molto in Italia. Questi nuovi soggetti che si sono venuti a formare, creano un effetto di “disintermediazione” del settore assicurativo svolgendo una vera e propria attività di disintermediazione in spregio alle norme vigenti a cui sono soggetti gli intermediari professionali. Quello che può sembrare un “j’accuse” di salvaguardia della categoria degli agenti d’assicurazione, tuttavia, sembra un vero e proprio campanello d’allarme in quanto solleva effettivamente qualche dubbio sulla natura giuridica dei comparatori. Come si inquadrano tali figure nelle vincolanti norme degli iscritti al RUI? A chi ci si deve rivolgere in caso di pratiche illecite? Chi li controlla? Come viene remunerato il loro lavoro? A queste domande e, soprattutto per la tutela del consumatore che cerca di trovare un risparmio per la RCA rischiando, magari, di cadere in qualche trappola, per rendere più trasparente e sicuro il mercato, l’Ivass ha deciso di attivare degli incontri di cui sopra per cercare di tranquillizzare e regolamentare il mercato assicurativo.
18/12/13
Finanzia la polizza e puoi pagare a rate l’RC Auto e non solo
Nell’ultimo periodo si è assistito ad una pressante campagna pubblicitaria da parte di alcune compagnie assicurative per il finanziamento delle polizze a tasso 0

Tale iniziativa, in un momento di difficoltà economica come quello attuale, permette a coloro che stipulano polizze, obbligatorie o meno, di poter rateizzare il totale dei premi e di “spalmarli” nei 12 mesi dell’anno.

Vi sono tantissime offerte nel mercato tra le varie compagnie assicurative. C’è chi rateizza in 12 mesi o meno, chi offre un vero tasso 0 e chi invece un tasso molto competitivo e conveniente. Ci sono anche offerte personalizzate fornite da varie agenzie che hanno stipulato con delle finanziarie degli accordi commerciali.

Il tutto per poter agevolare il cliente nel pagamento dei premi senza “soffocarlo” in un’unica soluzione, ma diluendo nel corso dell’anno i vari pagamenti.
28/08/13
Home Insurance: le compagnie assicurative verso la trasparenza con il consumatore
Con il provvedimento pubblicato in un comunicato stampa dello scorso 17 luglio, l’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, ha dato attuazione all’articolo 22, comma 8, del decreto legge 18 ottobre 2012 n° 179 recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” predisponendo, a partire dal 1° settembre 2013, quanto segue.
I consumatori che stipulano una polizza di assicurazione potranno chiedere l’attivazione, nel sito internet della loro impresa di assicurazione, di un’area riservata con accesso in modalità protetta per consultare in tempo reale la propria posizione assicurativa, verificare le coperture in corso e le relative scadenze dei premi, conoscere il valore di riscatto della propria polizza vita o il valore delle prestazioni nel caso di prodotti assicurativi a contenuto finanziario, consultare e scaricare l’attestazione sullo stato del rischio per la polizza RCA e ricevere comunicazioni periodiche da parte dell’assicuratore.
Tali aree riservate, su indicazione dell’IVASS, devono rispettare i principi di correttezza e trasparenza e possono essere implementate dalle singole imprese mettendo a disposizione dei clienti ulteriori funzioni, tra cui, ad esempio, anche la possibilità di pagare il premio assicurativo on-line.
Lo strumento dell’Home Insurance mira a semplificare e velocizzare il rapporto tra l’impresa e il cliente rendendolo sempre più trasparente grazie alla possibilità di accedere alle informazioni in qualsiasi momento.
Pagina 6 di 14
Prima pagina Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 Pagina successiva Ultima pagina